Pubblicato da Valentina il maggio 1, 2017

Giappone che passione!

“Così funziona il cuore, non sei prigioniero. Sei un uccello che vola nel cielo alla ricerca di sogni”

H.Murakami

Aeroporto di Tokyo

Japan? Yes Japan!

Davanti a questa proposta qualche anno fa non ero subito entusiasta, me lo ricordo bene: dall’altra parte del mondo per la prima volta, in due, con lo zaino. Quindi organizzo: biglietti, itinerario preparato, assicurazione fatta e medicine prese…. ma ricordo ancora l’agitazione della notte prima della partenza. A distanza di anni ho ricordi bellissimi di quei luoghi, degli incontri e dell’Oriente, mai nessun viaggio fu così azzeccato! Ecco qui il mio diario di viaggio per visitare il Giappone.

 

Incominciamo!

Quando mi vengono queste idee non riesco più a stare ferma e inizio a cercare
tutte le informazioni possibili. Secondo step: compare una guida. E’ la tradizione, un viaggio, una guida, da collezionare tutte insieme nella mia libreria.

Shinkansen – Stazione di Tokyo

Il mio viaggio è durato due settimane: non è moltissimo, ma con una buona organizzazione si possono vedere molti luoghi. Pertanto la prima cosa da decidere sono gli spostamenti e il Giappone vince su questo! Gli Shinkansen, i velocissimi e comodissimi treni attraversano il Paese in poco tempo. Il biglietto (settimanale, bisettimanale, mensile…) si acquista sul
sito del Japan Rail Pass ed entro tre giorni arriva a casa con il corriere Fedex.

Cosa arriva? Ricevuta di pagamento e dettagli del prodotto acquistato che, insieme al Passaporto, bisognerà mostrarli nelle stazioni dei treni per avere il biglietto della singola corsa.


Treni, che esperienza!

Treni più simili ad aerei: puliti, puntuali, spaziosi e con servizio a bordo. I treni arrivano alla stazione, fanno scendere i passeggeri, chiudono le porte per pulire e poi si sale. Il primo viaggio sembra fantascienza, immaginatevi questo e le nostre stazioni in un sali e scendi generali e caotico.

Tokyo

Dove si va?

Tre tappe principali: Tokyo – Kyoto – Osaka

Da ogni città ci siamo sempre spostati usando il nostro abbonamento dei treni e siamo riusciti a vedere molti posti interessanti!

Skybar Itercontinental Hotel – Tokyo

La Turkish Airlines ci ha portati in Giappone passando per Istanbul, volo lungo ma comodo. Gli aeroporti e le stazioni in Giappone sono davvero grandi: subito non è facile orientarsi, le indicazioni in inglese ci sono, piccole ma ci sono.

A Tokyo abbiamo alloggiato all’Hotel Grand Arc Anzomon: un hotel moderno, spazioso, camere ben fornite, in comoda posizione per spostarsi in città. Arrivati a Tokyo stanchi e indolenziti dal lungo viaggio (prima o poi viaggeremo in Business!) non abbiamo comunque saputo resistere: una doccia e ci siamo regalati noi un brindisi di benvenuto nello Skybar dell’Intercontinental Hotel, 36° piano, eccezionale!

Cosa vedere?

Quelle del Giappone non sono città, sono megalopoli, le distanze sono incredibili così come i loro palazzi, strade, piazze. In spazi davvero grandi abbiamo deciso di vedere questo:

  • Tokyo: Roppongi, Palazzo imperiale, Tempio Senso-ji, Torre di Tokyo, Hachiko Square, Shibuya crossing e Nikko (a due ore di treno);

 

Nel Tempio Tosho-go, Nikko

Ponte sacro Shinkyo, Nikko

 

 

 

 

 

 

 

 

  • Kyoto: Castello Nijo-jo, Palazzo imperiale, Fushimi Inari (a un’ora di treno);
  • Osaka: Umeda sky Building, Himeji Castle (a meno di un’ora di treno), Nara Deer Park (a due ore di treno);

 

Ogni luogo in Giappone ha una storia legata per lo più alla religione Shintoista o Buddhista, ci sono moltissimi templi, con statue di guardiani all’ingresso, aree per potersi bagnare per purificarsi prima di accedere.

Vi è un rispetto latente per ogni luogo in cui ci si trova: che sia una stazione affollata, in una foresta o in un tempio silenzioso ho percepito rispetto e un forte senso di appartenenza della gente a quei luoghi. Si passa tranquillamente da una stazione a più piani a una foresta in cui l’unico rumore che senti è quello dell’acqua che scorre. Da quartieri in cui le strade passano improvvisamente in mezzo al palazzo, e per in mezzo intendo che passano tra il quarto e il sesto piano, ad ingressi di templi dove l’unico movimento che vedi è quello dei pezzi di legno con in

Kinkaku-ji, Kyoto

cisi i messaggi di speranza dei visitatori che ondeggiano al vento… Mi sono piaciuti molto questi due aspetti diversi del Giappone: quello che preferisco è il lato a contatto con la natura, la riflessione, la quiete. Di palazzi e negozi non ne resto più particolarmente incantata, da ragazzina invece cercavo quasi solo quello, ma il contrasto che si viene a creare è disarmante: ti fa venire voglia di metterti a piedi scalzi e camminare per quelle foreste, quei giardini zen in cui tutto è curato e il silenzio è di casa.

 

Geisha – A Kyoto

Noi siamo stati nel mese di agosto: incredibilmente caldo, soprattutto umido. Come ben saprete il periodo migliore per visitare il Giappone sarebbe la primavera nel periodo della fioritura dei ciliegi, ma non potendolo fare, anche agosto è andato bene. Durante i giorni in cui siamo stati a Kyoto abbiamo affrontato anche un tifone: piogge torrenziali, incessanti, non puoi fare altro che restare in hotel e aspettare che la pioggia si calmi. E così è stato: un paio d’ore di pioggia battente, per poi vedere il cielo aprirsi. Ricordo bene, è stata quella sera che nella parte antica di Kyoto abbiamo avuto la fortuna di vedere una Geisha muoversi per le lunghe e strette strade della città.

 

Shibuya Crossing

Mi sono ritrovata  a bocca aperta quando da un tempio scorgevo il Monte Fuji, quando ho accarezzato dei cervi in un parco, quando mi sono ammutolita davanti ad alte statue raffiguranti Buddha. O quando nell’affollatissimo Shibuya Crossing, si dice infatti che sia l’incrocio più traffica

Hachiko Square

to al mondo, in una piazza laterale ho trovato la statua per Hachiko: il cane che aspettò il suo padrone, amori unici.

 

 

 

 

 

 

Più di tutti mi ha colpito Fujimi Inari: località alle porte di Kyoto. E’ una camminata sotto portali arancioni regalati in passato dalla popolazione ai monaci, sono uno di seguito all’altro circondati dalla foresta. Gli unici rumori anche lì erano il vento, le foglie e il ruscello. E’ un luogo per la meditazione, ma io ricordo di essermi sentita elettrizzata!

Fujimi Inari

 

Anche il Nara Deer Park, nei pressi di Osaka, è un luogo che si caratterizza per il contatto che puoi avere con la natura: nei sentieri, tra le pagode, ci sono dei cervi liberi. Abituati all’uomo non hanno timore ad avvicinarsi o a passeggiare indisturbati. Il sentiero accompagna ad un tempio grandissimo: si varca la soglia e dopo l’iniziale penombra l’ambiente si illumina per lo più grazie a delle candele e rivela una statua in bronzo di Buddha davvero molto grande. Penso che indipendentemente dalla propria religione si resti inevitabilmente stupiti dall’imponenza e dalla soggezione che trasmette la statua.

 

 

 

Non solo sushi!

Anche questa è stata una scoperta: tanti piatti diversi ognuno accompagnato da una salsa agrodolce specifica. Quindi non solo sushi! Molti ristoranti non parlano inglese, tanto meno hanno un menu bilingue, ma in questi casi si esce come si è entrati e grazie lo stesso… Nei ristornati più tipici è buona regola togliersi le scarpe e talvolta all’interno ci sono spazi riservati per ogni tavolo. E’ un’esperienza diversa! Abbiamo mangiato tenera carne di pollo cotta nella salsa di soia, deliziosa! A Tokyo abbiamo provato una cena a base di pesce crudo: titubanti, ma era da provare! Tra tutte le portate c’era anche un assaggio di carne di balena…impressionante. Inoltre molta tempura, che adoro, riso con verdure, spaghetti di soia e birra Asai!

Quello in Giappone è stato uno dei miei viaggi più belli: città che sono megalopoli, affollate e tecnologiche come non mai, ma come ti muovi verso l’esterno trovi silenzi, natura e pace, l’essenza del Paese. Tradizioni e natura sono un tutt’uno e invitano tutti i visitatori a rallentare, aprire gli occhi e a lasciarsi stupire!

Tornerò!

_______________________________

COME ARRIVARE: voli intercontinentali atterrano a Tokyo e ad Osaka. Dall’aeroporto: i treni portano in città.

COSTO: per volo e vari hotel 1500E a testa circa.

_______________________________

Contattami per qualsiasi informazione o per avere una consulenza gratuita sull’organizzazione dei viaggi!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DEL MIO BLOG!

#blog#diario di viaggio#diariodiviaggio#escursioni#est#fujimi inari#giappone#Guida di viaggio#japan#kyoto#nikko#organizzare un viaggio#oriente#osaka#scoprire#shibuya#storiediviaggio#tokyo#travel#travelblog#travelblogger#valenopasanada#viaggi fai da te#viaggiare#viaggio fai da te

Commenti

  1. Caterina
    maggio 9, 2017 - 12:51 pm

    Che buono tutto quel sushi! 😉

    • Valentina
      maggio 9, 2017 - 5:24 pm

      Era squisito!!

  2. frulloni_l@libero.it
    giugno 3, 2017 - 2:19 pm

    ciao valentina, anche io ho intenzione di andare i giappone ad agosto.
    solo una domanda, hai prenotato tutti gli hotel da casa oppure sul luogo giorno per giorno?

    grazie mille

    • Valentina
      giugno 3, 2017 - 3:20 pm

      Ciao! Io ho prenotato tutti gli hotel in anticipo, da casa, tramite il sito Booking.it: mi sono trovata bene e c’è ampia scelta!
      Se ti dovessero servire altre informazioni chiedimi pure 😉
      Ciao!

Lascia un commento

Your email address will not be published / Required fields are marked *